I cookie ci aiutano a fornire in modo adeguato i nostri contenuti. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Per saperne di più: informativa

Ok e continua
 
Home
20 | 09 | 2018
Benvenuto nel Club Alpino Italiano - Sezione Verbano
AVVISO PER GLI ESCURSIONISTI
L'eccezionale stagione invernale 2013-2014 ha determinato numerosi danni e frane sul sentiero R3 (difficoltà EE) che dal Pian Cavallone porta al Pizzo Marona, rendendone difficile e pericoloso il transito.
E' stato ripristinato e reso agibile, grazie ai lavori effettuati dall'Ente Parco Nazionale Val Grande, il primo tratto che dalla Cappella del Pian Cavallone va al Colle della Forcola, mentre ancora permangono smottamenti nei tratti successivi.
 
Prossimi appuntamenti con il CAI Verbano - Intra Stampa
Alpinismo giovanilesettembre - Alpinismo Giovanile
Rifugio Pian Cavallone, escursione, spaghettata, rientro in notturna.

7 settembre - in Sede Sociale ore 21
Seconda serata dedicata alla fotografia e all’osservazione notturna, a cura di
Valeria Ripa e Giuseppe Nicolini
La locandina della serata

8 settembre (sabato) Ceneri (CH): Cima di Medeglia in MTB
Causa motivi organizzativi l'escursione è annullata.

Gita ad anello (in senso orario) con partenza ed arrivo a Robasacco.
Lunghezza percorso 15 km
Difficoltà: MC/BC - Dislivello: m 800 - Tempo percorrenza: 5 h
Partenza alle ore 8.00 da Verbania Intra, P.le Flaim
Info: Avio Braconi 335 8475862; Mauro Fattibene 0323 572765
La locandina dell'escursione
14 settembre  in Sede Sociale ore 21
“Lettere dall’Everest” di Giovanni Rosso - edizioni Tararà, presentazione di Andrea Bocchiola.
La locandina della serata
15 settembre (sabato) dalle 20.30 alle 23.30 al Rifugio CAI Verbano al Pian Cavallone:
Enrico Camanni, scrittore di montagna e alpinista, presenterà il suo libro “Alpi Ribelli - Storie di montagna resistenza e utopia”.

Maggiori info su pagina fb Eventi del Rifugio
16 settembre Gli alpeggi della Valla Anzasca in collaborazione con il CAI di Piedimulera: Alpe Laveggio (1372 m) e Girareggio (1638 m)
A causa di previste inadeguate condizioni meteo l'escursione è annullata.

Piacevole escursione a due dei più bei alpeggi della Valla Anzasca. Il panorama, dagli alpeggi, spazia dal Monte Rosa alla valle di Mondelli e su tutta la sponda sinistra della Valle Anzasca.
Difficoltà: E - Dislivello: m 900 - Tempo percorrenza: 4 h 30 min
Partenza alle ore 7.00 da Verbania Suna, P.le Cimitero; successivo ritrovo ore 7.30 a Piedimulera, P.zza della stazione.
Info: Paolo Nebiolo 349 2959661 - 0324 83119; Franco Rossi 333 6189973
La locandina dell'escursione
23 settembre  In cammino nei Parchi, “Sentieri e Sapori”.
Camminata enogastronomica organizzata in collaborazione con la Proloco di Miazzina: da Cappella Fina al Pian Cavallone, una facile escursione per tutti associata alla valorizzazione dei prodotti enogastronomici tipici del territorio proposti nel corso delle cinque tappe previste della salita.
Ritrovo a Cappella Fina alle ore 9.30
Difficoltà percorso: T - dislivello 450 m
E’ gradita la prenotazione entro venerdì 21 settembre a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
In caso di cattivo tempo la camminata verrà annullata.
La locandina dell'escursione
28 settembre in Sede Sociale ore 21
“Trekking col cuore” e “Nepal piccolo grande paese” filmati di Renato Andorno presentati da Franco Boero.

La locandina della serata
30 settembre Escursione in Engadina (con estensione cultural-gastronomica).
Gita che si svolge in un dolce paesaggio “segantiniano”, al cospetto dei colossi ghiacciati del Bernina. Al passo Maloja (1805 m) l´escursione a piedi sale al lago Lunghin (2484 m) e seguendo poi un panoramico sentiero a balconata tocca il villaggio di Grevasilvas (1941 m) e si conclude sulle rive del lago di Silvaplana.
Prenotazione obbligatoria del pullman entro 31/08/2018.
L´escursione verrà effettuata solo con un minimo di 40 partecipanti.
Posti disponibili massimo 50.
Dal passo Maloja (1805 m) l´escursione a piedi sale al lago Lunghin (2484 m) e seguendo poi un panoramico sentiero a balconata tocca il villaggio di Grevasilvas (1941 m) e si conclude sulle rive del lago di Silvaplana.
Pranzo al sacco.
In pullman proseguiremo per una breve visita al caratteristico paese di Sils Maria e, rientrati in Italia, faremo sosta per una "merenda/cena" nei dintorni di Chiavenna in un locale dove gusteremo in particolare i pizzoccheri della Val Chiavenna.
Note: gita che si svolge in un dolce paesaggio "segantiniano", al cospetto dei colossi ghiacciati del Bernina.
Difficoltà: E - Dislivello: m 700 - Tempo percorrenza: 6 h
Partenza alle ore 5.00 da Verbania in bus e rientro intorno alle 23.
Info: Gianni 347 2435263 e Lucia 349 5187493
La locandina dell'escursione

una deviazione sulla via del ritorno ci porterà anche all'incantevole Lago di Arza.

 
CAI Verbano in collaborazione con la Proloco di Miazzina: In cammino nei Parchi, “Sentieri e Sapori”, camminata enogastronomica - 23 settembre 2018 Stampa
Martedì 11 Settembre 2018 08:30

CAI Verbano in collaborazione con la Proloco di Miazzina: ''Sentieri e Sapori'', camminata enogastronomica
Domenica 23 settembre 2018
In cammino nei Parchi

“Sentieri e Sapori”

Camminata enogastronomica organizzata in collaborazione con la Proloco di Miazzina: da Cappella Fina al Pian Cavallone, una facile escursione per tutti associata alla valorizzazione dei prodotti enogastronomici tipici del territorio proposti nel corso delle cinque tappe previste della salita (previsto contributo di 12 €).

Ritrovo a Cappella Fina alle ore 9.30
Difficoltà percorso: T - dislivello 450 m



E’ gradita la prenotazione entro venerdì 21 settembre a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
In caso di cattivo tempo la camminata verrà annullata.

 
CAI Verbano: Traversata Valgrisenche - Val di Rhemes - 25-26 agosto 2018 Stampa
Lunedì 10 Settembre 2018 20:00

25 agosto: come d’abitudine di buon mattino ci ritroviamo alle diverse fermate previste lungo il tragitto: destinazione Valle d’Aosta e precisamente Grisenche capoluogo della Val Grisenche.
Siamo in 22 e tutti motivati a trascorrere due giorni di cammino; la meteo annuncia qualche pioggerella in serata, ma ci confortano le previsioni di domani con un ampio soleggiamento.
Giunti a Grisenche inizia il nostro cammino verso il rifugio Bezzi. Ci attendono quasi quattro ore di cammino. Percorriamo una lunga marcia di avvicinamento costeggiando il fianco sinistro della diga di Beauregard per raggiungere Truche dove una pausa ci consente di mangiare un boccone. Ci aspettano ancora 500 metri di dislivello e alcuni chilometri di cammino, ma passo dopo passo arriviamo al rifugio Bezzi poco prima della pioggia. Ormai siamo al coperto e possiamo prendere posto per la notte.

CAI Verbano - Traversata Valgrisenche Val di Rhemes: verso il Rifugio Bezzi CAI Verbano - Traversata Valgrisenche Val di Rhemes: foto gruppo al Rifugio Bezzi

Il pomeriggio trascorre rapidamente e alle 19 viene servita un’ottima cena. Da buon corista chiedo gentilmente al custode se possiamo cantare e fino a che ora; la risposta è ovvia, “certamente e fino alle 22”. La serata prosegue quindi con le nostre voci che portano allegria in tutto il rifugio; alcuni francesi/e si trasferiscono nel nostro locale e cercano, nelle nostre pause, di alternare i loro canti. Il gestore, entusiasta della nostra prestazione, arriva portando parecchi bicchierini e ci offre una bottiglia di genepi; rincuorati da questo omaggio proseguiamo fino alle 22 quando intoniamo, come da abitudine, l’ultimo canto, quello del silenzio fuori ordinanza.

CAI Verbano - Traversata Valgrisenche Val di Rhemes: verso il Col Bassac Derè CAI Verbano - Traversata Valgrisenche Val di Rhemes: vista dal Col Bassac Derè

Leggi tutto...
 
CAI Verbano: Trekking in Dolomiti - 31 agosto - 2 settembre 2018 Stampa
Venerdì 07 Settembre 2018 09:40

Le escursioni sulle Dolomiti sono tra quelle che, già dalla prima occhiata all’opuscolo annuale del Programma CAI , allertano l’attenzione e fanno nascere il desiderio di esserci, a prescindere da successive indicazioni circa la zona interessata, la meta, la tipologia di percorso. Ovvio quindi che la proposta di Massimo e Franco di un trekking interessante e tecnicamente non banale in Alta Badia riscuotesse molti consensi ed entusiastiche adesioni … fino al giorno della partenza, quando sugli aneliti dei partecipanti si è riversata una non metaforica doccia fredda.
Durante il viaggio, accuratamente organizzato con pulmini condotti da validi autisti, si sono aperte le cataratte del cielo, in un alternarsi di pioggia, pioggerella, diluvio, piovasco; tra imprecazioni sulla mala sorte, sospiri di rimpianto, preghiere a tutti i santi, circa a metà mattina, abbiamo raggiunto il Passo di Valparola, punto di inizio del Sentiero Kaiserjager, teatro di aspri combattimenti tra truppe italiane e austriache durante il primo conflitto mondiale.
Nessuno l’avrebbe immaginato; invece inaspettatamente il cielo si è aperto, l’aria si è schiarita, una diffusa luminosità ha fatto presagire, al di là della cappa grigia, la presenza del sole.

AI Verbano - Trekking in Dolomiti: sul Sentiero Kaiserjager CAI Verbano - Trekking in Dolomiti: sul Sentiero Kaiserjager

Zaino in spalla e via! con un moderato avvio, fino a quando la pendenza si è fatta più decisa, acquistando le caratteristiche di “sentiero di guerra” attrezzato. Tracciato in posizione dominante e affacciato sul fondovalle, l’itinerario è molto gratificante in senso paesaggistico; costruito con lo scopo di contrastare gli attacchi delle postazioni nemiche sull’opposto versante, presenta una grande varietà di manufatti e di reperti a testimonianza di aspri e cruenti combattimenti. Camminando nelle trincee, risalendo canalini, percorrendo cenge, visitando gallerie con antri per il ricovero delle persone e il deposito delle armi, feritoie con mitragliatrici puntate, tornano alla mente immagini, racconti, fotografie, lettere, canzoni, luoghi e date della storia reale, scritta inconsapevolmente da migliaia di anonimi soldati e di quella ufficiale, gestita dagli organi di potere per cambiare secondo oscuri interessi il futuro delle nazioni e l’assetto del mondo.
Questa volta, sulla vetta attorno alla croce, le effusioni festose non hanno fugato il pensiero degli eventi bellici che qui si sono consumati, anzi hanno suscitato nel cuore dei presenti dolente smarrimento e commossa rimembranza.

CAI Verbano - Trekking in Dolomiti: accanto alla Croce sul Piccolo Lagazuoi CAI Verbano - Trekking in Dolomiti: discesa dalla Forcella dei Salares

Il tempo per una foto, per un’occhiata alla coltre di nubi che avvolge le Tofane dirimpetto a noi e subito di corsa al Rifugio, giusto in tempo per vedere l’acqua scendere a rivoli sui vetri e picchiettare energicamente sulle lamiere del tetto. Anche qui, ben in vista nelle teche posizionate un po’ dovunque, non mancano i segni della guerra, piccoli oggetti della quotidianità o della vita   militare.
Non appena ricompare il sole, ci rimettiamo in cammino e affrontiamo la discesa con un percorso differente rispetto a quello di andata, lungo un tragitto frequentato come pista da sci, che alla Forcella dei Salares si dirama anche in direzione del Rifugio Scotoni. Dopo una breve, ripida calata su gradoni e pietraia chiudiamo l’anello e ci ritroviamo al Forte tra i Sass.
Siamo soddisfatti; l’obiettivo del primo giorno è stato raggiunto.
Il pulmino ci trasporta a Badia e, mentre i capi gita espletano le formalità necessarie per assicurare a tutti una buona cena e di un rigenerante pernottamento, abbiamo modo di godere del panorama circostante, con graziosi villini, ondulazioni prative ben rasate, rigogliose conifere solitarie, a macchia, poi sempre più fitte fino ai piedi delle vette.

Leggi tutto...
 
CAI Verbano: Corno Bussola (m 3023) in Val d´Aosta da Estoul, anello per il Colle Palasina - 29 luglio 2018 Stampa
Sabato 04 Agosto 2018 08:30

Quando arriva il tempo delle ferie, tutti sono contagiati dalla voglia di evadere, di andare in qualche posto nuovo, anche solo per un giorno. Domenica 29 luglio, il piazzale, in cui come il solito a Gravellona si aspetta l’arrivo del pullman, è gremito, poiché oltre a noi, armati di zaino e scarponi, in viaggio verso la Valle d’Aosta, sosta una nutrita folla di persone con borse di paglia e ciabattine, che invece sogna il mare.
L’autista fila spedito sull’autostrada semideserta e solo quando incomincia la salita della Val d’Ayas il generale stato di dormiveglia si dissolve, dando spazio a cenni di dialogo, ad occhiate curiose, a domande interessate. Guardiamo le montagne verso cui ci stiamo dirigendo, ad una ad una o nell’insieme, ne osserviamo i profili, studiamo la conformazione dei picchi, cerchiamo di indovinare la via di ascesa, fissiamo la croce di vetta che brilla al sole.

CAI Verbano - Corno Bussola (m 3023) in Val d´Aosta da Estoul: Monte Bianco e Cervino CAI Verbano - Corno Bussola (m 3023) in Val d´Aosta da Estoul: il ponticello sul rio del lago della Battaglia

Sono belle le montagne. La loro grazia pervade l’intero paesaggio, dalle case di Brusson, siano esse villini, chalet o baite ristrutturate, a tutti gli oggetti della quotidianità: il pergolato della vite, la fontanella di legno, la rosa canina cascante dal muricciolo, la banale catasta di legna addossata al muro e … i gerani, a cascate, a festoni, a fasci, a ghirlanda. Pensando agli “spelacchi” del mio balcone, rabbrividisco.
Sono creazioni di arte povera che ci accompagneranno per tutto l’itinerario, che ritroveremo nel piccolo larice fieramente issato su un masso erratico, nei casolari accucciati nel verde come sentinelle dormienti, nei cuscini di ranuncoli acquatici, naturali ammortizzatori dei salti d’acqua del torrente, nel ponticello a schiena d’asino, romantica porta d’ingresso nell’area lacustre del Palasina.

CAI Verbano - Corno Bussola (m 3023) in Val d´Aosta da Estoul: vista verso sud

Leggi tutto...
 
CAI Verbano - Rifugio-Fest con Cena al Pian Cavallone - 3 agosto 2018 Stampa
Sabato 21 Luglio 2018 20:00

CAI Verbano - Rifugio-Fest con Cena al Pian Cavallone - 3 agosto 2018 Per festeggiare il termine di una fase importante dei lavori di ristrutturazione e miglioramento del nostro Rifugio al Pian Cavallone vorremmo organizzare una

Rifugio-Fest
venerdì 3 agosto 2018 alle ore 19,30

con Cena presso il Rifugio

La “Squadra Pian Cavallone” sarà lieta di presentare quanto già è stato fatto e quanto ancora rimane da fare "domani" e "dopodomani" ...
Per chi fosse interessato:
ritrovo a Cappella Porta ore 17,30.
Chi poi si volesse fermare a dormire al Rifugio, potrà prenotare direttamente telefonando ai Gestori; chi invece vorrà rientrare, si ricordi di portare la pila o la luce frontale.

In locandina trovi tutti i dettagli della Cena
Prenotazione obbligatoria entro domenica 29 luglio.
Info: A.Braconi 335 8475862 - L.Zucchinetti 349 5187493

 
CAI Verbano: anello Goglio Bondolero Cazzola Devero Goglio - 15 luglio 2018 Stampa
Venerdì 20 Luglio 2018 10:00

L’anello, a scavalco tra la Valle Bondolero e la Conca di Devero, si conserverà nella bisaccia dei vissuti, che ciascuno custodisce nella memoria, o forse ancor più nel cuore, come una immersione ristoratrice nella prorompente vitalità sprigionata dalla montagna a inizio estate per un periodo di così breve durata, che raramente si riesce a cogliere e a godere.
Espletato il rito della conta sulla piazzetta antistante la chiesetta di Goglio, i ventotto presenti, senza indugio, si sono incamminati, mossi dal desiderio di esplorare un nuovo, piccolo mondo alpestre caratterizzato da frugale semplicità ma racchiuso entro una cerchia di cime superbamente maestose: Cistella, Diei, Valtendra, Moro, Cornera, Cervandone, Rossa e nelle retrovie, autentici giganti di pietra assisi su troni regali, Leone, Arbola, Giove.

CAI Verbano - Goglio, A.Bondolero, M.Cazzola, A.Devero, Goglio: i rii hanno acqua abbondante CAI Verbano - Goglio, A.Bondolero, M.Cazzola, A.Devero, Goglio: verso l'alpe Bondolero

Essendosi l’itinerario snodato su un’area abbastanza ampia, varie sono state le porzioni di territorio osservate, tutte con una propria specifica connotazione, dipendente dal tipo di suolo, dal grado di esposizione al sole, dalla fascia altimetrica.
Relazionare sulla gita equivale pertanto a presentare una sequenza di fotogrammi, aventi talvolta valore artistico e paesaggistico, talaltra significato antropologico e culturale.
Attraversato il Rio Freddo, un sentiero ombreggiato, nella frescura della pineta, con un susseguirsi di tornantini, ci ha portati all’Alpe Piaggio. In prossimità delle baite, oltre alla solita zampillante acqua di fontana, abbiamo notato rigogliosi cespugli con frutti maturi occhieggianti tra le foglie: ribes vermigli, turgidi, invitanti …
Quando il viottolo si è innestato sulla strada sterrata, la moderata pendenza ha dato animo e fiato al gruppo, che, impegnato in chiacchiere civettuole o in discorsi sui massimi sistemi, è arrivato all’imbocco della Valle Bondolero. Gli occhi hanno indugiato sugli avvallamenti ondulati di questa dolce conca, sulla sua vegetazione, tutti pascoli, tracciati da colpi di pennello intinti a caso nella tavolozza dei verdi; il vento ha portato alle narici zaffate di aromi, odore di erba, di linfa, di acqua stagnante, di germogli, di resina.

CAI Verbano - Goglio, A.Bondolero, M.Cazzola, A.Devero, Goglio: le creste di confine con la val Buscagna CAI Verbano - Goglio, A.Bondolero, M.Cazzola, A.Devero, Goglio: alpe Bondolero
Leggi tutto...
 
CAI Verbano - Caporetto-Kolovrat, San Martino del Carso e monte Ermada: sulle orme della Prima Guerra Mondiale - 14-17 giugno 2018 Stampa
Giovedì 05 Luglio 2018 08:26

14 giugno
Siamo in 47. Il primo gruppo formato da 20  persone è atteso alle 5,00 alla rimessa di Possaccio dove Gianni, autista di Almatour, li accoglie pronto per partire. Alle 5,20 4 escursionisti salgono alla fermata del tribunale. Alle 5,25 12 escursionisti aspettano sul Piazzale del Cimitero di Suna. A Gravellona Toce dietro la rotonda Ipercoop aspettano  altri 6 escursionisti all’appello però manca Mantovani Dante costretto a rinunciare causa malattia. Infine alle 6,00 a Paruzzaro (Audi) salgono gli ultimi 5 escursionisti. Rimaniamo in 46. Siamo tutti… si parte! L’autista Gianni ci informa che, per arrivare a Cividale, dove stazioneremo c/o l’Hotel Roma per tre giorni, dobbiamo percorrere ca. 500 km. L’arrivo previsto è per le 12,00. La meteo prevede tempo bello per tutta la settimana, i cuori si rallegrano. Speranzosi che tutto vada bene partiamo alla conoscenza di luoghi, per lo più sconosciuti a molti di noi: Cividale, Museo storico di Kobarit, Ossario italiano, Caporetto Kolovrat, San Martino del carso e Monte Ermada.

CAI Verbano - Caporetto: le valli del Natisone CAI Verbano - Caporetto: trincee sul Kolovrat

Sul pullman il tempo passa veloce. Soste obbligatorie dell’autista … pranzo in Autogril … ecc…. Puntuali arriviamo a Cividale. Davanti l’Hotel ci accolgono le nostre guide: Loris Marin, Luca Zuliani e lo storico Marco Pascoli. All’Hotel Roma ci accoglie e ci dà  il benvenuto il Sig. Carlo proprietario dell’Hotel. Prendiamo possesso delle camere. L’albergo è bello, ordinato e le camere confortevoli ed è situato al centro di Cividale. Oggi è un bel giorno, si sta bene e per il momento non fa tanto caldo. Riprendiamo il pullman con le nostre tre guide di cui Marco  guida storica per il monte Kolovrat al confine tra Italia e Solvenia. Giunti ai piedi del Kolovrat zaino in spalla saliamo sui crinali compresi tra il Kolovrat e il Matajur dove correva la terza linea difensiva del fronte italiano che furono i principali teatri della disfatta di Caporetto. Dai crinali notiamo le valli del Natisone territorio montano affascinante dove piccoli borghi si alternano a boschi incontaminati. Marco, la nostra guida storica, ci racconta quello che avvenne il 24 ottobre 1917 con dovizia di particolari. In seguito ci accompagna sulla cresta del Kolovrat. Con lui in testa al gruppo percorriamo i camminamenti delle trincee del  museo all’aperto: tunnel scavati nella roccia, postazioni di mitragliatrici, cannoni e altro. Il primo giorno si conclude con  la cena fuori Cividale in un bellissimo ristorante in mezzo alla campagna.

Leggi tutto...
 
CAI Verbano - Presentazione del libro di Fabio Copiatti: "A passo di vacca" - Dalla Val Grande alle valli ossolane con Antonio Garoni, la guida alpina che tracciò il Sentiero Bove - 22 giugno 2018 Stampa
Mercoledì 13 Giugno 2018 08:00

Presentazione del libro di Fabio Copiatti:  ''A passo di vacca''
Venerdì 22 giugno - ore 21.00
Sala SOMS
Via De Bonis, 36 - Verbania-Intra

Presentazione del libro

A passo di vacca

Dalla Val Grande alle valli ossolane
con Antonio Garoni (1842-1921)
la guida alpina che tracciò il Sentiero Bove

di Fabio Copiatti

Introduce Leonardo Parachini
Interverrà l'autore Fabio Copiatti


"Solerte collaboratore, compagno e
amico della Sezione CAI Verbano"

 
CAI Verbano e Pro Valle Cannobina: Gurro (812 m) – Piazza – Produrù – Alpone – Pian Bozzo – Piota (1926 m) - ritorno Alpone – Fulka – Vanzone – Gurro - 20 maggio 2018 Stampa
Venerdì 01 Giugno 2018 09:00

Ci sono escursioni che, pur se già effettuate, lasciano in cuore l’aspirazione a ripeterle: o per il bisogno di riassaporare il contatto con un angolo di montagna particolare o per la tensione a indagare in modo più profondo un ambiente stimolante.
La proposta di collaborazione tra CAI Verbano e Pro Valle, quest’anno, va in questa direzione. L’itinerario programmato infatti interessa la Cannobina, un’area “fuori mano” non oggetto di usuale frequentazione e si colloca alle propaggini della Val Grande, caratterizzata per sua natura da angoli reconditi che solo la consulenza di esperti può portare alla luce. L’accompagnamento da parte di due guide locali, Silvano e Peppino, in aggiunta all’onnipresente Franco, è stato dunque utile e fecondo di una serie di arricchimenti culturali, emersi tramite una lettura geo-morfologica, storica, antropologica del luogo.

CAI Verbano e Pro Valle Cannobina - La Piota da Gurro: ci si incammina CAI Verbano e Pro Valle Cannobina - La Piota da Gurro: passaggio su valanga

I ventiquattro partecipanti, intenzionati nonostante tutto a scommettere sul bel tempo, da Gurro, una manciata di case, proiettate verso la conquista del proprio posto al sole tra una rete di viottoli e di balconi sporgenti, di buon mattino si avviano. L’obiettivo del fotografo immortala la comitiva che si sgrana sul lastrico a gradoni, tra le viti aggrappate ai muri a secco, i coloratissimi giardinetti a lato delle porte, i rosai che contornano le sacre effigie, il profumo dei biancospini e dei maggiociondoli.
Subito emerge il carattere dell’escursione: un andare alla riscoperta della leggi di sopravvivenza in ambiente ostile e povero di risorse, una pausa di riflessione su spaccati di vita seminomade, dipendenti da un atavico calendario delle transumanze, dai bassi agli alti alpeggi, tramandato di generazione in generazione nel corso dei secoli.

CAI Verbano e Pro Valle Cannobina - La Piota da Gurro: l'Alpone CAI Verbano e Pro Valle Cannobina - La Piota da Gurro: la cresta finale sotto la vetta
Leggi tutto...
 
Altri articoli...
Servizi
CAI Verbano Newsletter
Iscriviti, senza alcun impegno, ai notiziari di una o più attività della nostra Sezione:
Privacy e Termini d'uso
Visite in corso
 13 visitatori online
Club Alpino Italiano - Raccolta fondi destinati alla popolazione colpita dal sisma in Italia Centrale - click qui
Qui le informazioni sui percorsi escursionistici 'Da Rifugio a Rifugio': alla conoscenza del Verbano Cusio Ossola - Progetto nell'ambito dei festeggiamenti per il 150° del Club Alpino Italiano e 50° dell'Associazione Sezioni Est Monte Rosa
Scegli di destinare il 5 per mille al CAI Verbano–Intra - Click qui per leggere tutte le informazioni
Bollettino nivometeorologico AINEVA per l'arco alpino italiano
Bollettino per la Svizzera WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF
Montagna Amica e Sicura - Progetto prevenzione e sicurezza del Club Alpino Italiano - Soccorso Alpino - Guide, in collaborazione con tutte le Associazioni dedite alla formazione e/o prevenzione degli incidenti in montagna.
Piemonte Parchi
Meteo VETTA è il servizio on-line di informazione nivo-meteorologica della rete escursionistica piemontese realizzato da Regione Piemonte e Arpa Piemonte.

Previsioni ©ilMeteo.it
Amici del CAI Verbano su Facebook
LoScarpone.CAI.it - Qui sotto sono elencati gli ultimi articoli del Notiziario del Club Alpino Italiano: click sui titoli per leggere il singolo articolo; click su questa immagine di testa per accedere direttamente al Sito LoScarpone.CAI.it
Traduttore di contenuti
Italian English French German Spanish