Tutti gli articoli

E’ una splendida domenica di sole quella che accompagna la nostra “ciaspolata” fino a questo alpeggio della Valle Antigorio e la presenza di un nutrito gruppo di partecipanti (ben 25…) rende tutti particolarmente euforici. Con le auto raggiungiamo Foppiano, frazione alta di Crodo e, calzate le ciaspole, ci incamminiamo in fila lungo il bel sentiero che, rimontando il bosco, raggiunge la Colma, spartiacque fra Antigorio e Divedro. Avio ci guida intrepido, Lucia sta nelle retrovie con Franco e Flavio, tutti tengono un ottimo ritmo di marcia… al punto che quando accenniamo ad Avio che era stato promesso un break… ci rendiamo conto che la Colma è già stata raggiunta e siamo sul tratto in cresta decisamente più pianeggiante!

CAI Verbano - Con le ciaspole all'Alpe Genuina: sul percorso le baite dell'Alpe Campero cariche di neve CAI Verbano - Con le ciaspole all'Alpe Genuina: la radura immacolata dell'Alpe Genuina

Dopo the e biscottini si riprende il cammino ammirando lo splendido spettacolo che Madre Natura ci regala quest’oggi: abeti ammantati di neve scintillano al sole, radure immacolate si aprono davanti ai nostri occhi, contro l’azzurro del cielo si stagliano il Cistella, il Leone e decine di altre vette bianchissime… Un paesaggio fiabesco che ruba decine di scatti alle macchine fotografiche. Ed ecco finalmente l’alpe Genuina, fantastico balcone pieno di neve e di sole, sospeso tra le cime della Val Divedro da un lato e della Vigezzo dall’altro!

CAI Verbano - Con le ciaspole all'Alpe Genuina: il gruppo CAI Verbano CAI Verbano - Con le ciaspole all'Alpe Genuina: i gruppi CAI in foto ricordo

Sosta pranzo appoggiati ai muri delle vecchie baite, in compagnia di una quarantina di altri soci CAI (incontriamo numerosi amici con cui abbiamo condiviso altre gite…). Certo questa bella giornata ha spinto molti ad “escursionare”, si intrecciano le chiacchiere, consueti scambi di assaggi gastronomici, foto di gruppo, riposino con relativa dose di abbronzatura… ma è ora di rientrare e ci mettiamo in marcia. La neve è davvero tantissima, disegna fantastiche sculture su comignoli di baite e cappellette.
Al parcheggio, dopo una sosta di cioccolata calda ed altri beveraggi nell’accogliente albergo “Pizzo del Frate”, ci salutiamo promettendo di ritrovarci alla prossima ciaspolata.
Grazie ad Avio e a tutti i partecipanti, ciao alpe Genuina, lasciamo i tuoi silenzi e torniamo alla quotidianità!

La galleria fotografica