Tutti gli articoli

Il CAI Verbano sulla Cima Camughera: il gruppo degli escursionistiIn una bellissima giornata di sole - anche se il termometro segna soltanto 11 gradi - verso le 7.45 si parte in 26 (ventisei) guidati da Maria e Franco dal parcheggio dell’alpe Lusentino  (mt. 1174) iniziando a salire seguendo il percorso invernale delle piste da sci. La salita si fa subito ripida ed il gruppo inizia a sparpagliarsi obbligando i velocisti ad attuare alcune soste forzate per riaccorpare il gruppo.
Giunti all’arrivo degli impianti di risalita ci appaiono in tutta la loro maestosità il Monte Rosa, la Weissmiess, il Lagginhorn, il Fletschorn , i Breithorn ed il Monte Leone sovrastati da una candida luna che pigramente fatica a scomparire. Una decina di temerari con Franco Il CAI Verbano sulla Cima Camughera: il gruppo verso la cima. In basso il Colle del Pianino e sullo sfondo il Moncucco.raggiungono la croce del Moncucco mentre gli altri dopo un incontro con un nutrito gregge di pecore e capre, proseguono verso l’Alpe Pianino, dove si è deciso la sosta colazione.
Dall’Alpe si riparte con il gruppo compattato seguendo il sentiero in cresta che necessita di particolare attenzione in alcuni punti piuttosto ripidi ed esposti.  Raggiungiamo tutti la vetta (mt. 2249) tra le 12.15 e le 12.30 con la nostra bravissima e loquace mascotte Nicolò e qui troviamo Gabriele e Gianni - due amici di Domodossola - che ci avevano preceduto .
Nel frattempo il cielo comincia a coprirsi con le nuvole provenienti da Nord e l’aria si fa fredda per cui verso le 13.20  si inizia la discesa dal lato opposto alla Il CAI Verbano sulla Cima Camughera: la cresta finale e la cimasalita, verso il Passo di Arnigo e da qui seguendo un sentiero non molto segnalato, si giunge all’Alpe Saudera  che ci accoglie già in veste tipicamente autunnale con i larici  ingialliti e le rosse foglie dei mirtilli un po’ rattrappite.
Poco sopra l’Alpe Pianino il sentiero si ricongiunge a quello percorso la mattina per cui dopo breve salita si inizia la lunga discesa che mette a dura prove le nostre ginocchia ed un po’ alla spicciolata si giunge al parcheggio del Lusentino tra le 16.45 e le 17.30 contenti ancora una volta di aver condiviso in allegria ed amicizia una piacevole anche se un po’ faticosa sgambettata.