Tutti gli articoli

Spoccia - Cappella di Lego - Tre confini - Bivio per Alpe Spoccia - Tre Confini - Le Biuse - Olzeno - Gurrone - Slina - Spoccia.

Il CAI Verbano in Val Cannobina: verso l’alpeggio di Sumprè costeggiando prati ricchi di narcisi selvaticiAlle 7.30 del mattino di domenica 23 maggio eravamo in 42 al parcheggio di Spoccia pronti per intraprendere l’escursione organizzata in collaborazione con la Pro Valle Cannobina.
Una giornata limpida, con temperatura gradevole, che ha permesso di apprezzare a pieno l’escursione, accompagnata dai commenti del Beppe Dellamora, che ha dato un tocco culturale oltre che paesaggistico alla passeggiata. Dopo la partenza è stato attraversato il paese di Spoccia, dove si sono potute ammirare le belle fontane di pietra fatte costruire alla fine del 1800 dal benefattore Luigi Minoggio, per poi raggiungere la lunga scalinata (75 gradini) che conduce alla chiesa di Saliùn, unica nel nostro comprensorio. Quindi la comitiva ha proseguito verso l’alpeggio Sumprè, lungo i bei prati ricchi di narcisi selvatici diventati ormai una rarità. Il CAI Verbano in Val Cannobina: il lungo serpentone degli escursionistiAttorno si ammirava il versante nord della Zeda, il Vadà, la Piota, la Spallavera, Cortechiuso e il Torrione con la Laurasca in lontananza. Poi il tratto più impegnativo, quello che sale fino ai tre confini attraversando la cappella di Lego. Dai tre confini, lo scenario delle cime cambia, appaiono i Gridoni con la cima del Limidario, il Fronzina, il Faierone, il Giove ed in fondo uno scorcio di lago con Maccagno. Alle Biuse la calorosa accoglienza degli amici della montagna dove le donne hanno offerto un tè caldo e il Franco Testori ha intrattenuto il gruppo raccontando simpatiche storielle. La gita è proseguita attraversando Olzeno, raggiungendo Gurrone nella panoramica piazza della chiesa per la pausa pranzo al sacco o al circolo.
Lungo il percorso, il Peppino e il Silvano hanno animato la comitiva facendo vibrare l’ugola con i loro tipici richiami che gli alpigiani facevano in passato.
Il CAI Verbano in Val Cannobina: sosta a GurroneAlle 14 partenza verso Spoccia lungo la via percorsa da S. Carlo Borromeo il 28 giugno del 1574, quando pernottò a Spoccia in occasione della visita pastorale a Cannobio e Pieve. All’arrivo, presso il circolo ACLI, dopo un breve discorso del presidente della Pro Valle Silvano Dresti, si è consumato l’apprezzato rinfresco offerto dalla Pro Valle Cannobina.
E’ stato un momento di festa rallegrato dalla fisarmonica di Renato, accompagnata da qualche passo di danza e dai canti dei presenti. Alcuni di noi hanno poi consumato anche la cena al circolo, mentre la maggior parte ha fatto ritorno verso Verbania, stanchi ma soddisfatti.

Le foto dell'escursione