Tutte le attività

Alpinismo

Alpinismo giovanile

Escursionismo

Escursionismo adattato con ausili fuoristrada

Sentieristica

Sci alpinismo

Sicurezza in montagna in ambiente innevato

Cicloescursionismo

Attività culturali

La Pica da Legn

Maratona della Valle Intrasca

Appuntamenti tradizionali

Partecipazione alle attività

Galleria foto attività sociali

Tutti gli articoli

E’ la prima uscita con la bicicletta, grande partecipazione: siamo in 50! quasi quanto i Kilometri percorsi!
La giornata si presenta molto bene con cielo azzurro, una debole brezza ma temperatura ottimale.
In pullman arriviamo a Sesto Calende, prendiamo le bici e percorriamo tutta una serie di Ciclabili lungo il Ticino, canale Villoresi e Naviglio Grande fino a Robecco sul Naviglio nostra meta di arrivo.

CAI Verbano - Cicloescursione da Sesto Calende a Robecco S/N: la diga della Miorina a Golasecca CAI Verbano - Cicloescursione da Sesto Calende a Robecco S/N: la bellissima struttura della diga di Panperduto

Qui riconsegniamo le biciclette e, dopo un bel gelato con “Pit Stop”, appuntamento con alcune Guide Turistiche che ci portano a visitare due belle Ville Nobiliari che sorgono lungo il Naviglio Grande.
Lungo il percorso, ci fermiamo più volte per ammirare le straordinari opere di ingegneria idraulica (alcune risalenti a qualche secolo fa per il trasporto fluviale): dighe di regolazione, tra cui la più conosciuta diga della Miorina di Golasecca che regola il livello del Lago Maggiore, importanti centrali idroelettriche a Turbigo, che generano energia pulita, derivazioni dei principali canali da cui originano i navigli milanesi ed i canali di irrigazione della fiorente pianura novarese.

CAI Verbano - Cicloescursione da Sesto Calende a Robecco S/N: la targa posta nel 1998 a Tornavento dai Cavalieri del Fiume Azzurro a ricordo dell'origine del detto ''Viagià a uf'' CAI Verbano - Cicloescursione da Sesto Calende a Robecco S/N: foto ricordo a Robecco sul Naviglio

Tra i navigli il più famoso è senz’altro il Naviglio Grande che porta fino alla “darsena” di Milano e che è stato utilizzato per trasportare il marmo di Candoglia; a ricordo di ciò c’è una bella targa nei pressi del ponte di Oleggio: “… navigarono i barconi con il marmo di Candoglia, destinati alla costruzione del Duomo di Milano, esentati dal pedaggio nel 1398 con la sigla AUF (ad usum fabricae) … ” , da qui il detto “viagià a Uf”.
.... Bella gita, bella giornata, alla prossima ....

Le foto dell'escursione