Tutti gli articoli

Le aspettative del numeroso pubblico presente, composto, come ovvio, da amici e  compagni di escursioni dell’autore,  erano quelle di una tranquilla ed appagante visione di belle immagini di montagna e commenti a cui Liborio lo aveva da tempo abituato, anche grazie ai settimanali aggiornamenti del suo sito web sulle gite Serata con Liborio Rinaldidomenicali.
Ma Liborio Rinaldi ha spiazzato tutti, presentandosi in una veste inedita e del tutto imprevista:  “immagini, racconti, ricordi” tratti, non unicamente dall’album delle fotografie, ma nientepopodimeno che dai suoi numerosi libri che  egli si diverte a scrivere, uno all’anno, per farne dono agli amici.  Estratti di avvenimenti, di storie, di personaggi, di fantasie, di ricordi/memorie  attraverso i quali l’autore ha offerto uno spaccato autobiografico del suo vissuto e del suo essere.
E si è avvalso pure di grandi, belle, competenti e professionali voci narranti: quella matura e nota di Silva Cristofari, innanzitutto, presente in sala, l’attrice ed insegnante che sa dare alle parole valore e colore con una tale intensità da riuscire a far “vedere” quello che dice e di Betty Colombo, voce  registrata, pure bella e vivace, intercalata da quella “cantilenante” di Liborio stesso.
Il tutto confezionato con molta tecnica e fantasia ed “effetti speciali”.